Questo Sì
unpersonal shopper

Chi siamo

questoSi - Unpersonal ShopperDove il rosso e il blu si accarezzavano, fu tutto Viola per magia”…

Questo il motivo per cui nostra figlia, Viola, anche se all’età di un anno sapeva già elencare un’infinita palette di colori, distinguendo persino il Menta dall’Ottanio, chiamava il Rosso -> Mamma e il Blu -> Papà.

Viola sta crescendo e ogni tanto ricade ancora in questa associazione che, presa dal lato meramente cromatico-simbiotico è poderosa ma, dal lato sociale può risultare un’accezione assolutamente sessista.

Il nostro obiettivo è quello di farle comprendere che oggi non esiste più questa netta e arcaica distinzione tra ruoli maschili e ruoli femminili, oggi i ruoli sono fluidi e indefiniti, mamme e papà condividono spese, mutuo, fornelli e cura dei figli, mamme e papà fronteggiano impegni lavorativi e quotidiani in sinergia.

Mamme e papà usano internet per scoprire cos’è meglio per i loro bimbi, cercano spunti per essere genitori migliori e sì, il web è già denso di curatissimi blog di mamme o di papà, noi però abbiamo scelto di crearne uno insieme, con una voce distintiva che è la voce della coppia, non di uno dei due, affinché il dialogo non sia quello da mamma a mamma o da papà a papà, bensì da genitori a genitori in tutte le variopinte sfumature e declinazioni.

Questo blog non vuole erigersi a manuale del genitore perfetto, tende più al bigino da cui prendere spunto negli svariati ambiti della quotidianità genitoriale, un vademecum da cui attingere quando ve n’è l’esigenza.

Questo Sì” non vuole essere un “questo si fa e quello no”, bensì un “questo Sì, ve lo consigliamo!”, non è il Sì dell’Uomo del Monte, ma il sì di due genitori appassionati di letteratura / cinema / design / cucina, che hanno curiosato, sbirciato e si sono documentati fino allo stremo ed ora sono entusiasti di condividere con voi ciò che di meglio hanno trovato / comprato / usato / adottato / sfruttato per la loro piccola.

Unpersonal perché il nostro focus vuole essere spassionato, neutrale, perché anche se adoriamo tanto la Montessori, il legno, l’etica “green” e l’autosvezzamento, non amiamo gli estremismi o il prendersi troppo sul serio nel demonizzare a priori ciò che di primo acchito può risultare troppo “commerciale”.

I nostri bimbi saranno cittadini del mondo e tenerli perennemente sotto una campana di vetro non li avvantaggerà, forse aiutarli a costruire uno spirito critico un po’ di più.

Gli articoli di questo blog sono principalmente firmati da “Mamma & Papà” perché, è vero, siamo sempre Nøe & Sà ma – da quando è nata Viola – è questo ciò che sopra ogni cosa siamo e ci sentiamo: Mamma & Papà. Perché quando ti nasce un bimbo non sei più Tizio, Caio o Sempronio, non sei più Mario Rossi, il Signor Bianchi o l’Agente Smith, diventi “la mamma di…” & “il papà di…” sempre e per sempre.

Viola - Prime Tappe

Dunque, per il lieto fine potremmo ammorbarvi con l’aspetto ludico e terapeutico dello storytelling, della metanarrazione e della scrittura a quattro mani, la verità è che il tempo vola a velocità curvatura e non siamo mai riusciti a riempire una sola pagina dell’album “Il mio primo anno” di Viola, sarà per deformazione professionale, sarà che la carta non ha il dono della cross-argomentabilità, sarà che ci si trova più spesso con le dita sulla tastiera che con una penna in mano, ma il flusso di pensieri scorre più veloce qui ormai.

Le Prime Tappe della nostra bimba, le famose milestone, le abbiamo racchiuse in un’unica immagine creata per il suo primo compleanno, ma i ricordi, tutto ciò che abbiamo usato, usiamo, ciò con cui abbiamo giocato e con cui giochiamo, ciò che abbiamo letto e leggiamo con e per lei… oltre ad essere suggerimento, consiglio, confronto, vogliono essere traccia del nostro percorso con lei.

Unendo l’utile al dilettevole dunque, ci piacerebbe che questo blog diventasse una sorta di capsula del tempo per noi e per nostra figlia, pertanto ci saranno post più smielato-sentimentali e altri più tecnico-informativi, ma sempre autentici. E se presi dalla frenesia della quotidianità (vi capiamo!) vorrete arrivare subito al dunque, scroll(ate) senza offesa dritti alla “soluzione”.