Questo Sì
unpersonal shopper

Antiprincipesse

Storie di grandi donne, illustrate per bambini

antiprincipesse-libri-frida
Viola a un anno e mezzo. Natale 2016

C’era una volta una principessa, state pur certi che c’era anche un principe e con buona probabilità un cavallo (possibilmente bianco), un castello, un regno dalle fortune altalenanti, un incantesimo, almeno un’impresa eroica ed un matrimonio sfarzoso…

No, non siamo critici nei confronti di questa trama inviolabile, c’è qualcosa di consolante per i bambini nello scoprire tratti conosciuti in qualcosa di nuovo.

La capacità di individuare lo schema sotteso ad una storia permette ai piccoli di anticipare gli eventi rilevanti, di comprendere meglio lo svolgimento della storia, ed allo stesso tempo di concentrarsi sui particolari, sugli elementi di contorno che rendono una storia così simile e contemporaneamente così differente dalle altre.

Chiarita la nostra posizione, nei confronti di uno dei capisaldi dei classici per bambini, possiamo ora suggerirvi l’alternativa, alternativa non esclusiva, non parliamo di sostituzione ma di affiancamento, perché la fortuna della diffusione della stampa è stata prevalentemente di permetterci di vivere milioni di vite altrimenti sconosciute, ed allora ogni alternativa è fonte di varietà e ricchezza.

antiprincipesse-libriLe antiprincipesse

La collana delle Antiprincipesse, di Editorial Chirimbote, parla di donne che rifuggono gli stereotipi, che gioiscono e soffrono, che tengono in mano i loro destini, che si espongono ed attirano critiche, che soffrono, che trovano la gioia al di fuori del, e non in contrapposizione al, matrimonio.

Donne che non si sono fermate ad aspettare che qualcosa accadesse, né hanno usato dei superpoteri, donne che hanno raggiunto i loro obiettivi affrontando il mondo, superando gli ostacoli, combattendo per affermare loro stesse e quello in cui credevano, lasciando un segno indelebile nel tempo.

Per il momento sono 3 le storie narrate dalla casa editrice argentina, 3 le protagoniste, tutte sudamericane: Frida Kahlo, Violeta Parra e Juana Azurduy.

Frida Kahlo

Abbiamo sempre amato sia lei che il film ed è proprio cercando informazioni su di lei che abbiamo scovato questa collana. La storia è ormai celebre, Frida non è certo una principessa, è una donna che dedica alla sua vita all’arte, lo fa in un periodo storico in cui il campo artistico è ancora dominato dall’uomo.

Una di quelle donne che non si è accontentata di fare ciò che gli altri si aspettavano da lei. Una donna dalla vitalità dirompente nonostante i gravi problemi fisici, non ha avuto timore di mostrare il suo corpo deturpato ed il suo dolore, imprimendo nelle sue tele i momenti più felici ma anche più tristi della sua poderosa vita. 

Offerta
Frida Kahlo
Nadia Fink - Editore: Rapsodia - Copertina flessibile: 28 pagine
12,75 EUR

Violeta Parra

Un’icona sudamericana, ancora poco nota in Italia. Violeta è un’artista completa: dipinge, scrive ma soprattutto canta, ha dedicato la sua intera vita al recupero ed alla diffusione della tradizione popolare del Cile. Nel libro si usa il termine: “salvare”, Violeta scopre le canzoni quasi dimenticate vagando per il Cile, le scopre e poi, tramandandole, le salva.

Offerta
Violeta Parra
Nadia Fink - Editore: Rapsodia
11,90 EUR

Juana Azurduy

Juana è una donna guerriero che, agli inizi dell’800, ha lottato senza mai voltare le spalle al pericolo, per l’indipendenza dell’America Latina dall’Europa. Una donna in un epoca di uomini, in un affare da uomini. La vita di Juana è una storia di indipendenza ed emancipazione.

Offerta
Juana Azurduy
Nadia Fink - Editore: Rapsodia
10,12 EUR
Viola-frida
Viola a un anno e mezzo, vestita da Frida: la sua eroina preferita.

Non-fiabe da leggere

Racconti di vite reali, biografie arricchite da illustrazioni. La struttura classica delle storie per bambini non è rispettata, non è una collana di libri in cui tutto va bene, sopraggiunge un problema, al problema succede poi la soluzione, e tutto ritorna ad andare bene.

Il perno di queste letture è: la vita può essere straordinaria, come una fiaba, solo più complicata e meno scontata, non c’è una traccia riconoscibile e non si tende ad un lieto fine.

Noi raccontiamo le tre storie usando i libri come traccia, ci muoviamo liberamente avanti ed indietro, ci soffermiamo per chiarire i dubbi che nostra figlia manifesta, usiamo le illustrazioni per stimolare la curiosità, e non ci poniamo l’obiettivo di arrivare alla conclusione, non sono copioni da seguire fedelmente per dar senso ad una narrazione ma stimoli per l’improvvisazione.

Abbiamo regalato queste tre storie a Viola lo scorso Natale, aveva solo un anno emmezzo ma le ha apprezzate fin da subito, ha così amato questi tre personaggi, che a Carnevale anziché da “fatina o principessa” ha voluto vestirsi da Frida: la sua eroina preferita.

Commenti
Loading...