Questo Sì
unpersonal shopper

3 modi alternativi per raccontare (non leggere) storie

Luci, ombre e marionette..

3-modi-di-raccontare-storieLo storytelling, il raccontare storie, è da sempre legato all’intrattenimento ed alla pubblicità, film, romanzi, videogame, spot, tutto è racconto.

Per moltissimo tempo lo storytelling è stato associato prevalentemente all’intrattenimento, oggi si tende a rivalutare il ruolo della narrazione in ambiti meno ludici: la narrazione è formazione e crescita, è un trasferimento di conoscenze e cultura, un sistema per rafforzare i legami, per comprendere e risolvere i problemi.

Ogni giorno raccontiamo a nostra figlia e da lei ci facciamo raccontare: storie di personaggi di fantasia, la sua giornata al nido (ci racconti cosa hai fatto al nido?) e le nostre giornate lavorative (no prima tu!), le emozioni che abbiamo vissuto ed i giochi che abbiamo fatto. Rispolveriamo i ricordi, e giochiamo ad inventare nuove storie o a reinventare quelle che conosciamo.

Il racconto è anche un mezzo per presentarle il mondo visto da noi, per spiegarle perché la pioggia porta l’arcobaleno, perché la verdura aiuta a crescere, ed anche per spiegarle, con molta cautela, dov’è finito Pastuzo lo zio di Paddington.

Allenarsi al racconto

Carpire l’attenzione dei bambini è semplice ma, in un mondo in cui c’è ancora così tanto da scoprire, è difficile mantenerla salda. I libri illustrati sono un buon allenamento all’ascolto, grazie alla stimolazione visiva, ogni pagina infatti ha una nuova illustrazione ed il racconto risulta molto più ricco e vario.

Ma non c’è solo la carta, il racconto è anche gioco, si può raccontare con la luce, con le ombre, con le bambole, e in mille altri modi. Questi i 3 modi di raccontare che nostra piccola ama e che potrebbero sorprendere anche i vostri bimbi:

Raccontare con la luce

Una torcia con delle illustrazioni da proiettare, basta spegnere le luci e puntare la torcia sul muro, un piccolo cinema con pellicole intercambiabili, una performance in cui il narratore, senza copione, inventa una storia basandosi sui disegni che via via passano davanti agli occhi. La torcia racconta storie può essere acquistata in differenti varianti e se volete dare un tocco di magia in più ai vostri spettacoli, basta realizzare dei biglietti di carta e “validarli” all’ingresso del home cinema.

Raccontare con le ombre

Un semplice libro, ma non è un libro leggere, il libro si trasforma in un teatro e contiene molti personaggi da ritagliare, da attaccare ad un bastoncino ed animare. Questo libro contiene le storie ed i personaggi di Hansel e Gretel e di Cappuccetto Rosso o, se preferite, contiene le ombre di alcuni bambini, di un lupo, di una strega e di un cacciatore, di una vecchina… contiene i personaggi per tutte le storie che, con l’aiuto dei vostri piccoli, vorrete inventare.

Offerta
Il teatro delle ombre. Ediz. illustrata: 1
  • Saviem Mari
  • Editore: Edizioni Corsare
  • Copertina rigida: 24 pagine

 

Toccare il racconto che si trasforma

Altro genere meraviglioso, è quello della narrazione delle bambole trasformiste che portano cucita addosso la loro storia. Lilliputiens ne ha realizzate due bellissime versioni: Cappuccetto Rosso e Biancaneve, due fiabe classiche di cui abbiamo il copione inciso nella mente e dunque molto semplici da raccontare senza dover leggere.

La peculiarità di questi racconti risiede nella tattilità e nella ricerca dei particolari, alcuni da scoprire osservando, altri nascosti da svelare tramite calamite da aprire, chiudere e velcro da attaccare e staccare.

I personaggi della storia sono riuniti in una sola e curatissima bambola di stoffa che si trasforma nello scorrere della storia.

Cappuccetto rosso ha un cestino in mano, il cestino si apre e dentro c’è il pranzo per la nonnina malata, allora con il dito seguiamo il percorso ricamato sulla gonna di Cappuccetto, attraversiamo il bosco e incontriamo il lupo cattivo. Poi, mettiamo Cappuccetto a testa in giù, e sotto la gonna ci troviamo la nonna che ignara attende la nipotina, rivoltiamo il berretto della nonna e in un batter d’occhio ecco il lupo che si mangia la nonna in un sol boccone… fortuna arriva il cacciatore che apre la pancia del lupo e tadà: cappuccetto e la nonna sono in salvo.

 Biancaneve, la casetta e i sette nanetti, tutti in fila: Cucciolo, Dotto, Eolo, Gongolo,Brontolo,Pisolo e Mammolo che cantano “Hey ho! Hey ho! Andiam a lavorar!“, la matrigna che specchiandosi chiede “Specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?“, e la strega che prende la cesto la mela avvelenata… Nessun dettaglio è lasciato al caso, non rimane che stupirsi e lasciarsi pervadere dalla magia insieme ai nostri bimbi.
bambole-storia
Le marionette con cui raccontiamo Biancaneve e Cappuccetto Rosso alla nostra bimba
Commenti
Loading...